#BellezzaOvunque – “La tua bellezza, F. Renga”

Oggi parliamo di musica.

Ci sono molte canzoni che parlano di Bellezza, io ne ho scelta una in particolare: “La tua Bellezza” di Francesco Renga (Se non la conoscete, eccola qua: La Tua Bellezza – Renga )

 

occhi

Mentre aspetto che tutto finisca
E ti guardo perché sei perfetta
Sei la cosa che più mi spaventa

Ogni giorno ci capita di osservare la Bellezza ed a volte questa bellezza ci spaventa. E’ normale, è ciò che i poeti chiamano sublime. Il primo livello della bellezza è quel che viene definito “sentimento del bello” ed avviene quando ci si imbatte in qualcosa di piacevole, che soddisfa i nostri sensi. Tuttavia c’è un qualcosa di maggiore, di migliore: il sublime, piacere profondo dell’anima che si prova osservando la potenza e la vastità di un qualcosa di così incommensurabile che potrebbe sovrastare, annientare, l’osservatore stesso. A me capita osservando il tramonto o le stelle.

Non dobbiamo nasconderci che la Bellezza fa paura. Ne siamo spaventati, proprio perchè essa è incommensurabile, impensabile, assai più grande di ciò che siamo noi.

Il sublime, sempre più sbriciolato dalla conoscenza, non si ricompone facilmente in unità davanti alla nostra mente, e così gradualmente siamo privati della cosa più alta che ci era stata concessa, dell’unità che ci innalza al pieno sentimento dell’infinito. Per contro, quanto più cresce la conoscenza, tanto più diventiamo piccoli. Mentre prima stavamo di fronte al tutto come giganti, poi ci sentiamo nani di fronte alle parti.
Johann Wolfgang Goethe

viandante sul mare di nebbia

Viandante su mare di nebbia (Caspar David Friedrich)

Mentre togli il vestito di fretta
Non rimane che la meraviglia
Che la tua pelle nuda risveglia

Ovviamente Renga sta parlando di una donna vera. In realtà il discorso potrebbe benissimo essere esteso ad un piano più “simbolico”: togliendo i nostri “vestiti”, ossia tutte quelle sovrastrutture, le nostre elucubrazioni, pregiudizi e maschere, non rimane che la meraviglia.  

Anche la nudità  è ancella della Bellezza, poichè permette di osservare la Bellezza dal vivo. Si ha paura di spogliarsi di sè, perchè le nostre sicurezze, le nostre maschere, i nostri “vestiti”, ci danno sicurezza. Ma è la semplicità, l’essere nudi, che risveglia la meraviglia, la bellezza.

Se la tua bellezza è
Furiosa e nobile
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me

Renga definisce la Bellezza “furiosa e nobile”. Cosa avrà voluto dire?

I due termini sono opposti, ossimorici. La bellezza è impeto e tranquillità, impazienza e meditazione. E’ impossibile definire la Bellezza se non facendola coincidere con il tutto. E non dobbiamo andare lontano per trovare la bellezza: basta solo scoprire la “parte migliore”.

Ognuno ha una parte migliore. Mi piace pensare che la Bellezza sia la cartina tornasole della propria anima: vediamo bellezza nelle cose nella misura in cui vediamo bellezza in noi. E ciò che è magnifico: solo scoprendo la nostra Bellezza potremmo accorgerci di ciò che ci circonda.

Se la tua bellezza è
La tua bellezza[…]                                                                                                         Ogni mio desiderio si incendia

Questa frase mi ha sconvolto. Se riuscissimo a vivere la nostra bellezza,

così com’è, senza costrutti mentali, senza pregiudizi o maschere, allora la nostra vita s’incendierà. Vivere la propria bellezza renderà la nostra vita un fuoco vivo.

A volte c’è la tentazione di vivere la Bellezza altrui, di fingerci ciò che non siamo… questo è ciò che fisicamente accade quando ci si trucca o si cambia taglio o colore di capelli oppure quando si cerca di sesso-fiammeapparire altro, per essere migliori di ciò che siamo.

La bellezza è l’eternità che si mira in uno specchio.

Kahlil Gibran

 

 

Se la tua bellezza è
Furiosa e fragile
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me

Se la tua bellezza è furiosa e fragile, allora essa è qualcosa che somiglia alla parte migliore di me. Solo se riusciamo a vivere la bellezza che abbiamo nella nostra anima come un qualcosa di forte e fragile allo stesso tempo allora essa verrà mostrata come “la nostra parte migliore. Non dobbiamo avere paura di mostrarci nudi o fragili, anche se ciò ci rende vulnerabili ai graffi del mondo. Tuttavia, dice il piccolo principe,

Bisogna pur sopportare qualche bruco se si vogliono conoscere le farfalle: sembra che siano così belle..

 

Renga conclude nel migliore dei modi:

Se la tua bellezza è
La tua bellezza è…

Se vivi la tua bellezza sarai bellezza. E’ questa la più grande verità.

Questo è l’augurio che vi faccio, cari lettori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...