#Riflessioni – petaloso

Un uomo pieno di coraggio è CORAGGIOSO…

Un qualcosa pieno di meraviglia è MERAVIGLIOSO…
Un luogo pieno di mistero è MISTERIOSO…

Ed un fiore pieno di petali com’è?

La risposta ci viene data da Matteo, un fanciullino della 3C della scuola elementare “Marchesi” di Copparo (FE). Un fiore pieno di petali è semplicemente PETALOSO….

image

La cosa che più fa riflettere, in questa situazione (Non sai di cosa sto parlando? Clicca qui! ) non è tanto la semplicità con cui questo bimbo ha coniato un nuovo termine, quanto l’operato che ha svolto la sua maestra!

In una NON-BUONA Scuola, la maestra avrebbe corretto il bambino suggerendogli, forse, di ripassare la grammatica… e avrebbe fatto bene, a rigor di logica! Eppure lei, la maestra Margherita Aurora (Che nome…petaloso!), si è spinta oltre! La maestra (che mi sento di definire una VERA maestra) è riuscita a cogliere la bellezza della fantasia di un bambino, espressa attraverso la semplicità e la leggerezza quasi scontata di questo termine.

Questa situazione da una grande lezione a tutti noi: non serve essere professoroni laureati o studiosi d’alto rango per poter dare un contributo a questo nostro buffo mondo: basta sapersi perdere nei meandri della bellezza e nelle pieghe della sua semplicità…

Ed emerge, in tutto ciò, quanto scritto,quasi come profezia, da Pascoli:

E ciarla intanto, senza chetarsi mai; e, senza lui, non solo non vedremmo tante cose a cui non badiamo per solito, ma non potremmo nemmeno pensarle e ridirle, perché egli è l’Adamo che mette il nome a tutto ciò che vede e sente. Egli scopre nelle cose le somiglianze e relazioni più ingegnose. Egli adatta il nome della cosa più grande alla più piccola, e al contrario. E a ciò lo spinge meglio stupore che ignoranza, e curiosità meglio che loquacità: Impicciolisce per poter vedere, ingrandisce per poter ammirare. Né il suo linguaggio è imperfetto come di chi non dica la cosa se non a mezzo, ma prodigo anzi, come di chi due pensieri dia per una parola. E a ogni modo dà un segno, un suono, un colore, a cui riconoscere sempre ciò che vide una volta.

Ah… se prendessimo lezioni dai bambini quanto migliori saremmo!
E forse è per questo che ho deciso di fare l’insegnante…perchè in fondo in fondo voglio essere una persona migliore!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...