#Riflessioni – Generazione Boh

1-paassani3

Il concetto di “generazione” ha subito grandi mutazioni nel corso dei secoli. Un tempo si parlava di generazione secondo una connotazione “biologica”: una generazione indica la durata media di tempo tra la nascita dei genitori e la nascita dei loro figli. Nel mondo antico la generazione era un’unità di misura “informale” molto utilizzata. Ciò accadeva perchè, in quella tipologia di mondo, la famiglia era al centro. Oggi, invece, la famiglia non occupa più il suo antico ruolo essenziale dunque anche il concetto di generazione ha necessariamente dovuto subire dei cambiamenti. Se prima la generazione ruotava attorno alla famiglia, attorno a cosa ruota oggi?

Il fulcro delle “nuove” generazioni è l’ideologia, la tecnologia, il metodo, che lega diverse persone. Alcuni esempi? La pop generation, la beat generation, la lost generation…
Se un tempo, in 50 anni, avevamo al massimo 2 generazioni, oggi, in 50 anni, non è difficile avere un numero maggiore di generazioni. Basti pensare al ‘900: la lost generation  negli anni venti, la silent generation negli anni quaranta, la beat generation negli anni cinquanta, la pop generation negli anni novanta… Al cambiare della tecnologia primeggiante cambia la generazione, ossia il gruppo di persone, che ad essa gravita attorno.

E qual’è la generazione d’oggi?

Quasi ogni giorno la tecnologia primeggiante cambia: all’alba del XXI secolo potevamo identificare la wealth generation, ossia quella incentrata sui nuovi consumi e sul benessere che da essa ne deriva, la web generation, incentrata sul world wide web; la app generation, basata sulle applicazioni degli smart phone…

Io propongo ( anche se non è di mia invenzione) una nuova definizione che va a raccogliere ognuna delle altre terminologie dette in precedenza: GENERAZIONE BOH.

Viviamo in un mondo in cui abbiamo così tanti stimoli che non riusciamo più a indicare quello dominante. Avere troppa scelta, secondo me, non è un qualcosa di positivo… come avrebbero detto gli antichi “Troppi galli a cantar e non si fa mai giorno“…

Reputo Fedez (ed in generale i rapper ed i cantanti) profeti laici della realtà: la generazione boh è quella generazione confusa in cui viviamo, quella generazione incerta in cui, avendo perso la capacità di scegliere, reputa giusto tutto. Non sapendo scegliere si elimina la possibilità di scegliere. E’ un bene tutto ciò? No, non credo…

Ecco la generazione d’oggi: la generazione boh! Ognuno di noi appartiene a tale generazione quando, non avendo idee proprie, si lascia spingere da quelle imposte dai media; quando, pur di ottenere meriti, sottomette le proprie idee ad altre idee, imposte.

La generazione è lo specchio della società ed è propri questa la società: uomini confusi alla ricerca di idee che diano l’illusione di essere chiari.

hqdefault

tratto dal brano di Fedez “Generazione Boh”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...