Buon inizio di scuola? No grazie…

INAUGURAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013

Inaugurazione dell’anno scolastico 2012/2013 alla Scuola Elementare Gabelli, Torino, 12 settembre 2012 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Oggi ricomincia l’anno scolastico, e come ogni anno, mentre gli studenti imprecano in qualsiasi lingua conosciuta, gli altri esprimono la loro più accorata vicinanza, scrivendo bellissimi post o articoli! Io ho un pensiero tutto mio su questa cosa: augurare buon inizio di scuola? Manco morto! E vi spiego perché.

Prima occorre fare una specifica: secondo me esistono due tipi di scuola: la scuola (con la s) e la Scuola (con la S). La prima è quella fatta di compiti da fare, esami da dare, impegni, sotterfugi per raggiungere il 6… insomma: la scuola dell’obbligo (non inteso nel senso burocratico del termine); la seconda, invece, è fatta da relazioni di senso, da condivisione d’emozioni, da orizzonti nuovi da scoprire.

Sinceramente non me la sento di augurare buona scuola, per il semplice fatto che ritengo che la scuola (quella “dell’obbligo”) sia una grande farsa, una diabolica arma di distruzione delle menti e delle anime. Non me la sento di augurare buona scuola sapendo che questa “scuola” è fatta di professori o insegnanti frustrati da un lavoro che non li appaga che, pur di portare qualcosa a casa, spiattellano, giorno dopo giorno, nozioni su nozioni senza preoccuparsi di chi hanno davanti; non me la sento di augurare buona scuola sapendo che questa “scuola” è fatta di studenti che se ne fregano e che ci vanno solamente perchè devono, di studenti che si inventano mille e più modi per fregare l’insegnante durante i compiti in classe.

Amo troppo la scuola per augurare questo.

E’ colpa di qualcuno se le cose sono così? Certo che è colpa di qualcuno, ma non sarò io, in questa sede, a puntare il dito. Mi limiterò a dire che sia studenti che insegnanti sono immersi in un sistema che ormai da tempo li ha inghiottiti, in un sistema malato che avvelena chi ne fa uso, in un sistema che ha perso di vista se stesso e che si è trasformato, ormai da troppo, nella sua nemesi.

Ma io CREDO nella scuola, anche se so che potrebbe essere un’utopia ed è per questo che i miei auguri saranno un pò diversi da quelli che tutti fanno:

Buona Scuola, quella vera… quella che fa sentire vivi, quella che fa imparare a conoscere chi si ha attorno, quella che non propone “problemi” ma che fornisce strumenti per risolverli, quella che va oltre ai “ruoli istituzionali” ed alle vuote categorie di “professore” o “studente” ma che si apre alla relazione di senso, a quella che fa crescere; auguro una Scuola noiosa, perchè anche la noia ha un valore… ma la noia che auguro non è quella di cui puzzano le ore passate davanti ad un libro a cercare di imparare dei versi o delle formule, ma una noia che spinge ad uscire dal proprio torpore, una noia che alimenta l’interesse per la vita; auguro una Scuola dinamica, mai ferma su sè stessa: una Scuola fatta di impegni, di stress, di frenesia… ossia di VITA!

Ecco il mio augurio: a tutti una buona Scuola, scuola che va oltre gli esami da fare o i compiti da consegnare… una scuola che permetta a tutti, un giorno, di dire: CI SONO ANCHE IO!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...