Il Segreto del Successo

1480065030-0-15-libri-in-dono-all-istituto-nautico-di-pozzallo

Riflettevo su una cosa: quali sono i segreti del successo di un libro (o di un libro di successo) ?

Per prima cosa la copertina: deve essere allegra, deve colpire l’occhio. Sarebbe meglio fosse colorata, con qualche immagine particolare. Se è vero che non si deve giudicare un libro dalla copertina, è vero anche che la copertina dice molto del libro… amanti del vintage a parte, libri con una copertina “triste” non son destinati ad essere letti dal grande pubblico…

Poi il titolo: deve essere accattivante, deve acchiappare l’attenzione del lettore, con semplicità e chiarezza. Il titolo viene dopo l’immagine ma è quasi più importante: se la copertina deve colpire, il titolo deve catturare! Molti scrittori hanno fatto successo anche con titoli composti da una sola parola… Pensate a “1984” di Orwell o ” ‘900″ di Baricco. Un libro con un titolo troppo lungo non è un libro commerciale: i titoli lunghi devono essere compresi e la lunghezza non aiuta! Figuriamoci, poi, se è scritto in una lingua strana o se contiene qualche giro di parole o figure retoriche varie…

Poi il prezzo: deve essere accessibile a tutti, non deve costare troppo… altrimenti non tutti potrebbero permetterselo, a maggior ragione al giorno d’oggi: a causa della crisi, il tasso di vendita dei libri è drasticamente diminuito: sempre meno persone leggono… Pubblicare libri con prezzi elevati potrebbe essere il lasciapassare per l’insuccesso, garantito al 100%

Non dobbiamo scordarci  anche i canali di diffusione: per essere letto, un libro deve essere comprato… e per essere comprato deve poter essere visto! Vendere libri in piattaforme online può non essere vantaggioso,  poichè non tutti dispongono dei mezzi (o dell’attitudine) per comprare libri online.

Infine, per avere successo, un libro deve essere pubblicizzato: ormai tutto gira attorno al marketing! Se un prodotto non è pubblicizzato, difficilmente rischia di essere visto… ma la semplice pubblicità non basta: al giorno d’oggi c’è un giro di pubblicità così ampio che, per emergere, è necessario essere incisivi… molto incisivi!

Ora voglio fare un gioco. Abbiamo parlato dei segreti di un libro di un libro di successo: copertina accattivante, titolo chiaro, prezzo basso, reperibile e pubblicizzato. E se volessimo un libro senza successo? Basterebbe avere una copertina scura, triste, cupa; un titolo lungo ed incomprensibile, magari in una lingua diversa dall’italiano… facciamo, per esempio, l’ebraico! Immaginiamo anche che questo libro abbia un prezzo alto (supponiamo 15.00 euro + spese di spedizione), che sia venduto solo online e che non sia molto pubblicizzato. Aggiungiamo, poi, per dare il colpo di grazia, un genere di nicchia, non molto apprezzato dal grande pubblico… supponiamo la poesia! Ecco… unite tutti questi elementi ed otterrete un libro destinato a non avere successo… otterrete “Qòl Demamah Daqqah“, il mio libro di Poesie.

Lo dico senza retorica: ho scritto un libro senza successo. Ovviamente non avrei mai pensato di poter vincere il Nobel o Lo Strega ma speravo comunque di poter essere apprezzato perlomeno da una piccola fetta di pubblico che ricerca, nella lettura, una via per comprendere meglio sé stesso! Niente, Qòl Demamah Daqqah è stato un vero e proprio fallimento… e non lo dico perché ho venduto solo 5 copie (tutte ad amici e parenti…) ma perché non sono riuscito nell’intento che mi ero prefissato: trasmettere ciò che avevo dentro l’anima al maggior numero di persone… Proprio così: viviamo in un secolo in cui tutti possono dire la propria. Bello. L’unico problema, però, è che così facendo si perde il peso, il valore, di ciò che viene detto! Questo libro è audace perchè non cerca il successo attraverso ciò che è commerciale o superficiale bensì attraverso ciò che è nascosto, attraverso ciò che necessita di comprensione.

Forse è stato un mio errore di valutazione: pensare che la gente avesse  bisogno di “senso”. Mi sbagliavo… o meglio… la gente ha bisogno di senso ma, senza dubbio, non si mette  a  cercarlo fra le pagine di un libro di poesie autoprodotto da un ragazzo sconosciuto di 22 anni. Sono stato presuntuoso su questo.

Evidentemente il successo letterario non è roba per me. Pensavo di poter emergere ed invece continuo a stare nascosto.

Mi fermerò? No di certo! Se rinunciassi al mio sogno perchè le persone che sono attorno a me sono troppo prese dalla superficie delle cose per cercare il senso, sarei un fallito! Nella  vita son stato di tutto: uno stronzo, un bravo ragazzo, un bastardo, un calcolatore, un romantico, un sognatore, un bugiardo, uno che dice la verità… ma mai e poi mai ho intenzione di essere un fallito!

Ho imparato, fin da piccolo, a credere nei sogni nonostante le circostanze… e forse è proprio questo il segreto del successo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...